immagine bandiera inglese immagine bandiera italiana Facebook icon Twitter icon YouTube icon
Ti trovi in:  Home >> La curiosità del mese
Cerca 
 
Link veloci
Siti ospitati
APOD
un´ immagine astronomica al giorno
Logo della pagina dedicata alla curiosità del mese

La curiosità del mese

Accessi alla pagina (dal 2009) - Totale: 60 - esterni: 20 - oggi: 0   - Statistica accessi

Se ti piace POSTA questa curiosità: https://goo.gl/crMibT


Elettrodomestici cosmologici?

La curiosità del mese di settembre 2017 a cura di Tomaso belloni


Fig. 1 - Il radiotelescopio di 64 metri chiamato informalmente the Dish o the Big Dish dell'osservatorio Parkes situato circa 20 km a nord della citta' di Parkes, nel Nuovo Galles del Sud, in Australia.
Fig. 1 - Il radiotelescopio di 64 metri chiamato informalmente the Dish o the Big Dish dell’osservatorio Parkes situato circa 20 km a nord della città di Parkes, nel Nuovo Galles del Sud, in Australia.

Il 24 luglio 2001 il radiotelescopio di 64 metri di Parkes, in Australia, ha rivelato un evento molto peculiare, pubblicato solo sei anni dopo in un lavoro sui dati di archivio (vedi la curiosità di settembre 2013: Beep radio dal cosmo profondo: un mistero).
Un singolo impulso radio della durata di meno di cinque millisecondi, decine di volte più intenso dei segnali transienti osservati nella nostra galassia.
I segnali radio a diverse frequenze attraversando lo spazio, che non è mai completamente vuoto, arrivano a tempi diversi e dalle misure si può stimare la distanza dell’oggetto che li ha emessi.
In questo caso l’impulso sarebbe dovuto provenire da un oggetto al di fuori della nostra galassia, ma a meno di 3 miliardi di anni luce dalla terra.
Anche il fatto che provenisse da un punto al di fuori del disco della galassia suggeriva un’origine extragalattica, dato che la maggior parte della materia della via lattea è concentrata nel disco.

Fig. 2 - Immagine artistica di una sorgente di onde radio captate dal telescopio dell'osservatorio Parkes.
Fig. 2 - Immagine artistica di una sorgente di onde radio captate dal telescopio dell’osservatorio Parkes.

Naturalmente più distante è l’oggetto che ha emesso l’impulso, più energetico è l’impulso e quindi più interessante.
Il fatto che fosse stato visto per caso guardando una piccola parte del cielo indicava che, molto probabilmente, ce ne fossero molti, fino a più di 200 ogni giorno!
Da allora ne sono stati osservati meno di trenta e non soltanto dal telescopio di Parkes.
Perchè è importante che li abbiano osservati anche altri?
Perchè il radiotelescopio di Parkes ha rivelato diversi altri impulsi simili, anche questi con una distribuzione di tempi di arrivo a diverse frequenze, che però nel 2015 si è scoperto non fossero di origine astronomica, ma umana.

Fig. 3 - A sinistra una foto dello scrittore argentino Jorge Luis Borges a 21 anni -  A destra una ricostruzione artistica di un peryton ottenuta tramite fotomontaggio. Sono creature immaginarie descritte da Jorge Luis Borges come abitanti di Atlantide dall'aspetto di grandi uccelli dal piumaggio verde scuro (o azzurro) con la testa di cervo.
Fig. 3 - A sinistra una foto dello scrittore argentino Jorge Luis Borges a 21 anni - A destra una ricostruzione artistica di un peryton ottenuta tramite fotomontaggio. Sono creature immaginarie descritte da Jorge Luis Borges come abitanti di Atlantide dall’aspetto di grandi uccelli dal piumaggio verde scuro (o azzurro) con la testa di cervo.

Nel complesso del radiotelescopio erano in funzione tre forni a microonde e dopo un po’ di esperimenti si è capito che questi impulsi vengono generati quando si apre lo sportello del forno a microonde senza spegnerlo prima.
Eventi di questo tipo adesso hanno anche un nome: "perytons" (dal nome di un animale mitologico dallo stesso nome, scaturito dalla fantasia dello scrittore argentino Jorge Luis Borges).
Sull’articolo scientifico che riporta l’origine dei perytons non si dice, ma io suggerirei di spegnere sempre prima il forno a microonde prima di aprirlo in anticipo sulla fine del ciclo.
Tornando ai segnali veri, il fatto che fossero unici, nel senso che non si erano osservate ripetizioni dalla stessa direzione, puntava l’indice verso eventi distruttivi, ma nel 2015 si sono visti diversi eventi, ripetuti poi l’anno seguente, dalla stessa direzione di un impulso osservato nel 2012.
È l’unico caso finora, ma chiaramente questo non può essere un cataclisma distruttivo.
Insomma, che cosa sono questi impulsi, chiamati didascalicamente "Fast radio bursts", ovvero impulsi radio veloci?
Dato che la loro durata è dell’ordine dei millisecondi, devono provenire da oggetti più piccoli della dimensione attraversata dalla luce nello stesso tempo, quindi al massimo qualche centinaio di chilometri.
Non lo sappiamo ancora. Le verie ipotesi vanno da collisioni fra stelle di neutroni e buchi neri, a stelle di neutroni con altissimi campi magnetici fino a possibilità ancora più esotiche, come segnali extraterrestri.
Come sempre abbiamo bisogno di più eventi e soprattutto di osservare con attenzione ad altre lunghezze d’onda, cosa molto difficile nel caso di eventi che durano solo qualche millisecondo.
Sicuramente possiamo cominciare con il non produrne noi scaldando il latte nel forno a microonde.


Per saperne di più

The CSIRO Parkes Observatory (in inglese)
Osservatorio di Parkes - Wikipedia
Perito - Wikipedia
Perito in astronomia - Wikipedia (in inglese)
Jorge Luis Borges - Wikipedia
Lampo radio veloce (Fast Radio Burst / FRB) - Wikipedia

accessi pagina